Sonetto diciotto : testo ,traduzione e
analisi del sonetto numero 18 di Shakespeare
Shall I compare thee

traduzione Sonetto 18 Shall I compare thee
Devo paragonarti a una giornata estiva?
Tu sei più incantevole e mite.
Impetuosi venti scuotono le tenere gemme di maggio
e il corso dell’estate e' fin troppo breve.
Talvolta troppo caldo splende l’occhio del cielo
e spesso il suo aureo volto e' offuscato,
e ogni bellezza col tempo perde il suo fulgore,
sciupata dal caso o dal corso mutevole della natura.
Ma la tua eterna estate non sfiorira',
ne perderai possesso della tua bellezza;
ne morte si vanterà di coprirti con la sua ombra,
poiche' tu cresci nel tempo in versi eterni.
Finche' uomini respirano e occhi vedono,
vivranno questi miei versi, e daranno vita a te.


 





SONNET 18 Shall I compare thee to a summer's day?
Thou art more lovely and more temperate: Rough winds do shake the
darling buds of May, And summer's lease hath all too short a date:
Sometime too hot the eye of heaven shines,And often is his gold
complexion dimm'd; And every fair from fair sometime declines,
By chance or nature's changing course untrimm'd; But thy eternal
summer shall not fade Nor lose possession of that fair thou owest;
Nor shall Death brag thou wander'st in his shade,When in eternal
lines to time thou growest: So long as men can breathe or eyes can see,
So long lives this and this gives life to thee.


sonetto 18 analisi e commento

il sonetto 18 e' senza dubbio il piu' noto ed amato dei 154
che compongono il corpo dei sonetti di shakespeare.
Il tema e' la la potenza della poesia che rende possibile
eternare la realta,ed in questo caso rende quindi possibile
rendere eterno l'amore cui si riferisce il sonetto.
Il poeta inizia lodando il suo caro e giovane amico ,
e lentamente costruisce l'immagine dell'amico come un
essere perfetto. Il giovane amico e' dapprima paragonato
all'estate ,ma alla fine della terza quartina lui e'l'estate ,
quindi trasforma l'amico nell'ideale di bellezza stessa ,
metro attraverso il quale la vera bellezza dovrebbe essere
misurata. La sola risposta del poeta ad una vista cosi' bella
e gioiosa come quella della bellezza dell'amico e' quella di
rendere possibile la permanenza di tale bellezza nella memoria
umana, salvandola dall'oblio che , di solito , segue la morte.
questo puo' essere ottenuto mediante i suoi versi .
Nei versi finali il poeta riafferma la sua speranza che la sua
poesia continui a vivere fino alla fine del genere umano ,
in modo da assicurare l'immortalita' alla sua musa.
    

temi e personaggi dei sonetti di shakespeare

l'autore del sonetto 1 scrisse i sonetti presumibilmente alla fine del sedicesimo secolo.In quel periodo i teatri erano chiusi a causa dell'epidemia di peste ,ed il bardo era libero dai pressanti impegni compositivi dei plays da rappresentare a teatro. I sonetti,in tutto 154,furono pubblicati nel 1609 . I primi 126 sonetti sono dedicati ad un giovane uomo(fair youth), i restanti ad una dama bruna (ladark lady). I principali temi trattati nei sonetti,oltre all'amore, sono l'amicizia, la bellezza (del giovane amico/amato),la procreazione (per rinnovare la bellezza),la gelosia (verso un poeta rivale che a sua volta loda la bellezza dell'amico) ,la morte(probabilmentepersonificata dalla dark lady) e l'arte (avente funzione eternatrice della realta'). Nessuna opera e' mai stata letta, analizzata,dibattuta e interpretata nelle piu' disparate maniere .La prima controversia riguarda la misteriosa dedica che apre i sonetti : '' TO.THE.ONLIE.BEGETTER.OF.THESE.INSUING.SONNETS.Mr.W.H. ALL.HAPPINESSE.AND.THAT.ETERNITIE.PROMISED.BY.OVR.EVER-LIVING.POET.WISHETH. THE.WELL-WISHING.ADVENTVRER.IN.SETTING.FORTH.- T.T. '' ''All'unico ispiratore di / questi seguenti sonetti/Mr.W.H. ogni felicita'/e quella eternita'/promessa/dal/nostro immortale poeta/augura/colui che con buon augurio/si avventura nel/ pubblicare''. Non e' infatti provata l'identita' del destinatario dei sonetti, sebbene i principali candidati siano il Conte di Southampton Henry Wriothesly e William Herbert.Un uomo ,dunque e' il destinatario dei sonetti d'amore,e questa e' la principale fonte di speculazioni e divisioni della critica: una parte degli studiosi ritiene che l'autore dei sonetti debba essere necessariamente omosessuale,mentre l'altra parte ritiene che si tratta di amore platonico.Al limite,se nei sonetti fosse davvero descritto un amore omosessuale,possiamo dedurne che agli occhi di Shakespeare quaesto poteva essere guardato in maniera naturale, cosi' come avveniva nella grecia antica,nonche lo stesso Shakespeare lo fosse. Daltronde shakespeare nella sua opera non ha mai praticamente mostrato nulla di se,e non vi e' nessun motivo di pensare che possa aver "stravolto" questa sua regola nei sonetti,svelandoci addirittura un fatto cosi' personale. Shakespeare ,dopo essersi ispirato al petrarca ,supera il modello petrarchesco, Nonche' il mito della donna angelo,dedicando i sonetti ad un uomo,in modo da poter rendere universale il concetto di amore,per non renderlo troppo facilmente identificabile e confondibile con il solo concetto di donna angelo,e poterlo quindi applicare a tutte le forme d'amore (platonico,romantico,omosessuale , filiale,fraterno etc.). Tema centrale del sonetto 116 e' ,naturalmente ,l'amore. l'amore si puo' definire tale solo se supera tutte le prove dell'esistenza, compresa la prova piu' difficile,quella del non essere (piu') corrisposti .

nota biografica

L'autore del sonetto 116 proviene da una piccola cittadina chiamata Stratford on avon ,dove nasce il giorno 23 aprile nell'anno 1564. Shakespeare e' considerato da tutti il poeta nazionale dell'inghilterra, e ,di fatto, le sue opere sono tra le piu' lette di tutti i tempi. Anche ai giorni nostri,i suoi lavori costituiscono la base delle arti del cinema e del teatro e ,citati continuamente , sono stati tradotti in ogni in ciascuna lingua conosciuta nel mondo. Poco si sa della vita dell'autore del sonetto 116,e le poche notizie che ci sono arrivate sono spesso lacunose. William Shakespeare proviene da una famiglia agiata,che gli permise di frequentare delle scuole eccellenti , avendo cosi' la possibilita' di apprendere le lingue del passato,come il greco e il latino,oltre che leggere autori che avranno una notevole influenza sul bardo (su tutti Ovidio , Plauto,Seneca) . Non si iscrisse ne frequento' alcuna universita' ,e questo ad alcuni studiosi ha acceso il dubbio che il corpo di opere di solito attribuito a William Shakespeare,sia stato scritto da un'altra persone ,se non da un gruppo di scrittori,secondo il ragionamento che un corpo di opere cosi' perfetto non puo' essere stato scritto da una persona priva di studi universitari. Nell'anno 1852 william convola a nozze con una donna attraente,che ha sette anni piu' di lui,forse un matrimonio utile a riparare la gravidanza di lei . William e Anne avranno tre figli,uno dei quali mori' alla tenera eta' di undici anni. Shakespeare si trova ,con relativa certezza, a Londra durante gli ultimi anni del secolo sedicesimo,e qui' ha gia' scritto parte dei suoi capolavori teatrali e, aprofittando della chiusura dei teatri (dovuta alla peste) i suoi poemi, nonche' la prima parte della stesura dei sonetti. La notorieta' di William era dovuta ,all'inizio ,ai poemi,visto che chi scriveva opere teatrali era considerato un autore non degno di fama. In seguito il bardo investi' i suoi averi nel business del teatro ,dove era attivo sia come autore che come attore ,nonche' come socio della compagnia e del teatro dove si recitavano i plays ,all'epoca uno dei teatri piu' importanti della capitale inglese : il Globe . Londra era la citta' ideale per chi lavorava nel mondo del teatro ,in quanto all'epoca la maggioranza dei londinesi frequentava i teatri regolarmente . Durante la vita ,ed anche dopo la sua morte le commedie e le tragedie di William Shakespeare hanno conosciuto una incessante fortuna ,e sono state sempre rappresentate . Tali opere (assieme ale altre opere costituenti il 'teatro elisabettiano' sono ritenute pari a quelle dei grandi classici greci del V sec a.c. A partire dal 1608 il bardo inizio la ricerca di una esistenza felice e distaccata ,tornando spesso alla sua cittadina natale,dove mori' il 23 aprile (lo stesso giorno del suo compleanno) del 1616, e sepolto nella chiesa della sua citta' natale.






luca@shakespeareinitaly.it   icq 171783515

A cura di Luca Airi